CUCINA UMBRADolciFritti e frittelle

Strufoli per “L’italia nel piatto”

Strufoli per “L’italia nel piatto”

Strufoli, dolci tipici umbri del Carnevale

Nuovo appuntamento con la ricette  regionali de L’Italia nel Piatto, siamo a Febbraio il mese più pazzerello dell’anno, come non dedicare questa uscita alle Ricette di Carnevale della Tradizione? Qui da me troverete gli Strufoli, che insieme a frappe e cicerchiata  addolcisco il  carnevale delle famiglie umbre. Gli strufoli sono preparati con pochi e semplici ingredienti, fritti poi pochi alla volta, in abbondante olio bollente, spruzzati con alchermes e cosparsi con zucchero semolato.

??????????????

Preparazione 10 Minuti
Tempo di cottura 20 Minuti
Tempo totale 30 Minuti
Ricetta umbra tipica del Carnevale
Autore: 2 Amiche in Cucina
Tipo ricetta: Dolci
Per: 20 strufoli

Origine ricetta: Italia- Umbria

Ingredienti
  • 4 uova
  • 80 g di zucchero
  • 30 g di olio
  • 2 cucchiai di mistrà
  • 2 cucchiai di rum
  • La buccia grattugiata di un limone
  • 340 g di farina
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • Olio per friggere
  • Alchermes e zucchero semolato per decorare
Preparazione
  1. In una ciotola battete le uova con lo zucchero e il limone, aggiungete i liquori, l’olio e la farina setacciata con il lievito, mescolate bene.
  2. Versate l’olio per friggere in un tegame dai bordi alti e portatelo a temperatura.
  3. Con un cucchiaio precedentemente passato nell’olio, prendete dell’impasto e fatelo cadere nell’olio bollente,con una forchetta toccate delicatamente gli strufoli per farli roteare, fate cuocere circa 5 minuti.
  4. Togliete gli strufoli dall’olio con un mestolo forato e fateli scolare su carta da cucina.
  5. Spruzzate gli strufoli ancora tiepidi con l’alchermes e cospargete con lo zucchero semolato.
  6. Cuocete pochi strufoli alla volta, in cottura cresceranno molto.

 

strufoli umbri

strufoli umbri preparazione

 

 

l'italia nel piatto Umbria 2

 

Vediamo come si festeggia il carnevale nelle altre regioni

Trentino-Alto AdigeFrittelle di mele trentine
Friuli-Venezia Giulia: Rafioi o ravioli di Carnevale
Veneto: Lattughe e frigole de carneval  
Lombardia: Chiacchiere milanesi
Liguria: Bugie 
Emilia Romagna:Tagliatelle dolci fritte 
Toscana: Berlingozzo di Lamporecchio
Abruzzo: Cestini di Cicerchiata 
Molise: Migliaccio molisano
Lazio: Fregnacce
Campania: Sanguinaccio con il sangue di maiale
Basilicata: Polpette di pane e patate
Puglia: A Farnedd
Calabria:  Pruppetti cu u sucu 
Sicilia: Il cannolo

 Vi ricordo il nostro blog L’Italia nel Piatto

logo l'italia nel piatto

 

 

 

 

 

25 Comments

  1. Miriaaaaa!!!!! Ma che bello il tuo blog!!! Hai cambiato vestito!!! E’ bellissimo, mi piace un sacco! Continuo a guardarlo e rimirarlo!!! Chi ti ha curato la grafica???
    In quanto alla ricetta non è da meno!!! Adoro questo dolce!!! Un bacione e complimenti ancora!!!

  2. Buoniiiiii…mammamia, Miria, mi hai fatto venire voglia di mangiarne un paio (almeno un paio!!) E ora?! Non mi resta che provare a farli al più presto ^_^ Bravissima come sempre, un abbraccio grande <3

  3. Il Carnevale non lo festeggio mai, però lo seguo, essendo religiosa.
    I dolcetti che si consumano, prettamente fritti, me li mangerei se solo sapessi friggerli, non friggo mai. Perciò una di queste palline l’assaggerei, giusto per tradizione, appunto.

  4. Miria, che meraviglia! Non li conoscevo. Gli strufoli della mia gioventù (proprio così, con una f sola) erano simili alle chiacchiere o bugie o lattughe, ecc. Pensa che stranezza, li chiamano strufoli (o cenci) in Maremma, dove ho abitato per vent’anni. Questi umbri li voglio proprio provare. Grazie per la ricetta, è spiegata benissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.