DolciFritti e frittelleSenza lattosio

Frittelle di pancotto

Frittelle di pancotto

Le frittelle di pancotto sono dei golosi dolcetti tipici umbri, preparati con pane raffermo e uvetta. Siamo a Febbraio e si sa, è il mese del carnevale, il mese dei fritti per eccellenza. E proprio di “Fritti dolci e salati della tradizione” vi parleremo questo mese noi blogger per L’Italia nel Piatto. Non necessariamente ricette tipiche del carnevale, ma spazieremo a 360 gradi tra i fritti tipici regionali.

Frittelle  dolci umbre

Io per l’Umbria ho scelto di preparare le frittelle di pancotto, con pane raffermo e uvetta, profumate con scorza di arancia. Cercando l’idea giusta da pubblicare questo mese, ho trovato queste frittelle, alcuni le descrivono come dolci di san Giuseppe, altri come dolci di carnevale e altri ancora come ricetta tipica del periodo della raccolta delle olive. Beh diciamo che ogni momento è buono per prepararle, sono semplicissime e anche economiche, come quasi tutti i dolci della tradizione umbra.
Come spesso di succede, dopo aver letto tante ricette, ho fatto a modo mio.
Se vi piacciono i dolci fritti, provate anche gli strufoli, dolci umbri tipici del carnevale.

Frittella umbra di pancotto con uvetta e arancia

Frittelle di pancotto

Portata: Dolce
Porzioni: 35-40 frittelle

Preparazione: 10 minuti
Riposo in frigo: 45 minuti
Cottura: 35-40 minuti

Autore: Miria Onesta

Ingredienti:

  • 150 g di pane sciapo raffermo
  • 50 g di zucchero
  • 150 g di farina
  • 1/4 di cucchiaino di bicarbonato
  • 1 uovo
  • 80 g di uvetta
  • la scorza grattugiata di un’arancia
  • Olio per friggere
  • zucchero semolato per cospargere

Preparazione:

  1. Tagliate il pane e mettetelo in un tegame, coprite con acqua e fate cuocere per circa 20 minuti.
  2. Allontanate il pane dal fuoco, versate in un colino e lasciate freddare.
  3. Mettete il pane ben scolato in una ciotola, unite l’uvetta e lasciate riposare per 15 minuti.
  4. Aggiungete lo zucchero, il bicarbonato, l’uovo, la scorza d’arancia e la farina, mescolate con una forchetta.
  5. Portate a temperatura abbondante olio per friggere.
  6. Versate l’impasto nell’olio, aiutandovi con due cucchiai.
  7. Friggete le frittelle finché non saranno gonfie e dorate.
  8. Tiratele su dall’olio con un mestolo forato e passatele su carta assorbente.
  9. Rotolate le frittelle nello zucchero semolato.
  10. Proseguite così finché on avrete terminato l’impasto.
  11. Fate raffreddare e servite.

Note: Aggiungete la farina poco alla volta, dovrete ottenere un impasto morbido da versare con il cucchiaio.

Frittelle di pancotto, ricetta tipica umbra

Queste le proposte delle altre regioni:

Valle d’Aosta: Frittelle di mele valdostane
Piemonte: Frittelle con farina di mais e nocciole per l’Italia nel Piatto
Liguria: Frisceu
Lombardia: Cuoppo alla milanese
Trentino Alto Adige: Frittelle di mele
Veneto: Crema fritta alla veneta
Friuli Venezia Giulia: Strucchi fritti
Emilia Romagna: Frittelle di riso di Carnevale
Toscana: Cenci
Marche: Scroccafusi marchigiani
Lazio: Ravioli dolci di carnevale
Abruzzo: Cicerchiata abruzzese di Carnevale
Molise: Rosacatarre molisane
Campania: Zeppole napoletane
Puglia: Le frittelle
Basilicata: Frittelle con olive nere e peperoni cruschi
Calabria: Alaci fritti
Sicilia: Latte fritto siciliano
Sardegna: Acciuleddi e orilettas
L’Italia nel piatto: Fritti dolci e salati della tradizione

Per restare sempre aggiornati, potete seguirmi anche tramite i miei canali social:
La pagina Facebook , ma anche Instagram o Pinterest.

1
Condividi

9 Comments

  1. La prima volta che ho sentito parlare del pancotto è stata quando mi son fidanzata con il mio attuale marito, prima ne ignoravo l0esistenza!
    Ora scopro da te che con il pancotto si possono realizzare delle frittelle che hanno un aspetto davvero delizioso!
    Da provare subitissimo!!

  2. Il riciclo del pane è sempre un must, e queste frittelle contadine ne rappresentano una degna fine. Bella la tua proposta e immagino che le tue variazioni ne hanno migliorato il risultato, complimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.