Secondi e contorni

Baccalà in umido alla umbra con uvetta e prugne

Baccalà in umido alla umbra con uvetta e prugne

Piatto tipico umbro per la Viglia di Natale

Ultimo appuntamento dell’anno con la cucina tipica regionale della rubrica “L’Italia nel piatto” nel mese di Dicembre la nostra uscita non poteva che essere dedicata al Natale. Ma non al pranzo ricco e sontuoso del giorno di Natale, bensì il piatto di magro della Vigilia, a base di pesce. Tema di questo mese “Il pesce a tavola in occasione delle Feste Natalizie”. Ogni regione, anche se non toccata dal mare, ha piatti tipici a base di pesce, di lago, di fiume, ma anche conservati sottosale, come acciughe e baccalà. In Umbria per la Vigilia di Natale si prepara il baccalà, ogni famiglia ha la sua ricetta. La versione che vi propongo oggi è il baccalà in umido alla umbra con uvetta e prugne.
Provate anche il baccalà con i ceci.

Baccalà con uvetta, prugne e pera, ricetta della Vigilia di Natale tipica umbra

Partecipo a questa rubrica, ormai da molto tempo, in questi anni ho scovato ricette in rete, su libri, alcune sono di famiglia, altre invece le ho scoperte chiedendo in giro. Quella di oggi l’ho trovata proprio così, chiedendo aiuto ad un’amica e mentre ero dalla parrucchiera, Floriana mi ha svelato la sua ricetta, tipica di Collelungo una frazione di Baschi. Una versione semplice e gustosa, che oltre alle classiche prugne secche e uvetta, prevede anche delle pere. Io ho utilizzato delle pere spontanee trovate qui vicino casa. Le ricette della tradizione non devono essere dimenticate, anche se la vita ormai ci porta a correre e preparare piatti veloci, è bello riscoprire i sapori di un tempo, quelli delle mamma e delle nonne, che con amore e pazienza portavano in tavola gustosi piatti.

Baccalà della Vigilia, ricetta tipica umbra

Baccalà in umido alla umbra con uvetta e prugne

Portata: Secondo
Porzioni: 4 persone

Preparazione: 15 minuti
Cottura: 50 minuti

Autore: Miria Onesta

Ingredienti:

  • 600 g di baccalà già ammollato
  • 1 carota piccola
  • 1 costa di sedano
  • 1/2 cipolla rossa
  • 50 g di uvetta
  • 80 g di prugne secche
  • 1 pera non troppo matura
  • 2 cucchiai di zucchero semolato
  • 200 g di passata di pomodori
  • sale
  • 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva

Preparazione:

  1. Pelate la carota, lavate il sedano e sbucciate la cipolla, tritateli finemente e metteteli in un tegame con 3 cucchiai di olio.
  2. Fate cuocere a fuoco lieve finché non saranno appassiti.
  3. Unite l’uvetta, le prugne, la pera sbucciata tagliata a cubetti e lo zucchero, mescolate bene e fate cuocere per circa 10 minuti.
  4. Unite la passata e un bicchiere di acqua, salate e fate cuocere per 20 minuti.
  5. Nel frattempo in una padella antiaderente, fate rosolare rapidamente il baccalà, tagliato a pezzi.
  6. Unite il baccalà al condimento e fate cuocere ancora per circa 10 minuti.

Note: Preparate il baccalà il giorno prima di servirlo, sarà ancora più buono.

Le proposte delle altre regioni:

Valle d’Aosta: Trota alla Valdostana
Piemonte: Polenta con la bagna dër mëȓluss per l’Italia nel Piatto
Liguria: Millefoglie di patate e baccalà mantecato, basilico e olive taggiasche
Lombardia (fatto da Toscana): Baccalà (ovvero stoccafisso) alla bresciana
Trentino-Alto Adige: Carpaccio di trota salmonata e mele
Veneto: Baccalà mantecato in tre versioni
Emilia-Romagna: Risotto al brodo di “Baganelli”
Toscana: Baccalà dolce-forte
Marche: Ziti con il sugo all’ascolana
Lazio: I filetti di baccalà
Abruzzo: Frittelle con le alici
Molise:Baccalà arracanato
Campania: Polpo all’insalata
Puglia: Spaghetti con le anguille
Basilicata:
Calabria: Baccallà arriganato
Sicilia: Pesce stocco a ghiotta
Sardegna: Sardine ripiene
Italia nel piatto: Il pesce sulla tavola delle feste

1
Condividi

3 Comments

  1. Mi piace molto questo baccalà. Mi era già capitato di assaggiarlo con le uvette ma le prugne mi sembrano proprio un valore aggiunto! Un abbraccio 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.