CUCINA UMBRAPrimi

I Picchiarelli della Nonna

I Picchiarelli della Nonna
Buongiorno, leggendo il post di presentazione al contest Il Sapore dei Ricordi, di La Cucina leggera, ma non troppo che diceva :”Fatemi sentire nella vostra descrizione l’emozione e ciò che vi ricorda la ricetta, chi ve la preparava...”, mi è venuta subito in mente questa ricetta, i Picchiarelli, una ricetta di origine umbra come la nonna. Perché proprio questa? Perché è la ricetta che preparavo sempre insieme a lei quando ero piccolina, con questa ricetta ho imparato a mettere le mani in pasta. Durante le vacanze estive la nonna mi metteva su una sedia davanti ad una spianatoia, al centro un bel mucchietto di farina, uova e acqua e mi faceva impastare, non curandosi del caos che facevo in cucina. Il mattarello che vedete in foto è quello della nonna, quello che usava lei e che ora uso io. Mi piaceva vederla tirare la pasta, quando l’arrotolava sul mattarello che poi scorrendo sulla tavola faceva lo “scrocchio”, quello che amo fare anch’io quando stendo la sfoglia. Il condimento era un sugo semplice di aglio pomodoro e prezzemolo, la pasta tirata più spessa del normale e tagliata stretta, quando la preparo mi tornano sempre in mente quei bei momenti dell’infanzia, ma il sapore dei picchiarelli non è lo stesso, non c’è niente da fare, quelli della nonna erano più buoni. Chissà forse proprio perché hanno il sapore dei ricordi…

Ingredienti per la pasta:
300 g di farina
1 uovo
Acqua
Per condimento:
4-5 spicchi d’aglio
300 g di pelati 
Prezzemolo
Olio d’oliva

Preparazione:
Per prima cosa preparate la pasta, fate la fontana con la farina, al centro unite l’uovo e l’acqua necessaria ad ottenere un impasto compatto. Lasciatela riposare un’oretta coperta con un panno. Tirate la pasta, lasciatela più spessa del normale, fate riposare ancora un’ora, arrotolate la pasta e tagliatela. Fate soffriggere l’aglio con l’olio e il prezzemolo, unite i pelati spezzettati, salate, lasciate cuocere per 10 minuti. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela e versatela nella padella, lasciatela insaporire per 2-3 minuti e servite.

Con questa ricetta partecipo al contest Il sapore dei ricordi

23 Comments

  1. Allora non sono l'unica: ci sono ricette della nonna che rifaccio diligentemente, ma non hanno lo stesso sapore.
    Però i tuoi Picchiarelli sono meravigliosi e splendida è anche la presentazione 🙂
    Buon sabato

  2. Bellissime le foto di questo post, e bellissimi i ricordi di questa ricetta della tua trazione!!!! bravissima!!!!! bello anche il nuovo header del tuo blog e i colori!

  3. Ciao ragazze, che piacere ritrovarvi…. bellissima questa ricetta e bellissime le foto.
    Mi sono persa un pochino delle vostre ricette in questi giorni, ma sono stata molto occupata…comunque ho già recuperato per fortuna.
    Baci

  4. Hai ragione Mimì… il sapore dei ricordi non ha eguali. Anche se penso tu ti ci sia avvicinata parecchio. E pure lo scrocchio fai??? Allora sei proprio brava!!! Bacione!!

  5. Il sapore dei ricordi e impareggiabile e indimenticabile e anche se si rifanno le ricette come quelle che facevamo con chi ci ha insegnato non hanno lo stesso sapore….. Una pasta semplice ma unica! Baci

  6. Mimì!!!! meno male che ogni tanto guardo lo spam, era finita lì 🙁 ma io l'ho trovata 🙂 grazie mille, grazie delle tue emozioni che hai voluto condividere con me. Ti inserisco subito. In bocca al lupo !!

  7. Tenerissimo quetso post. Per un attimo hai riportato anche me indietro nel tempo nella cucina della nonna. I tuoi picchiarelli sono fantastici. Ma capisco che quelli della nonna erano altra cosa. Il sapore dei ricordi è un condimento unino impossibile da imitare. Un bacio, buona settimana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.