CUCINA UMBRADolciSenza glutine

Stinchetti dei Morti

Stinchetti dei Morti

 

 Buongiorno, oggi voglio presentarvi dei biscottini tipici Umbri, che vengono prepararti nel periodo che va dalla Ricorrenza dei Santi fino a Natale.  La ricetta è una rielaborazione di varie trovate in rete e in alcuni vecchi libri di cucina tradizionale umbra. Anche per la forma ho cercato di interpretare al meglio quello che spiegava il libro, che non ha nessuna foto, ma da quanto scritto la forma doveva essere simile a quella che ho dato io. Questi dolcetti sono preparati fin dall’antichità e dovrebbero risalire addirittura al tempo degli Etruschi.
Ingredienti per l’impasto interno:
200 g di mandorle dolci
3 mandorle amare
2 albumi
200 g di zucchero
50 g di cacao amaro
½ limone grattugiato
Un pizzico di vaniglia
Un pizzico di cannella
Per la glassa esterna:

2 albumi
200 g di zucchero
2 fogli di gelatina
100 g di fecola
Preparazione:
Tritate finemente le mandorle dolci e quelle amare con un cucchiaio di zucchero, versatele in una ciotola ed unite il cacao, il resto dello zucchero, la vaniglia, la cannella e la buccia del limone. Versate anche gli albumi ed impastate fino ad ottenere un impasto consistente, tenete in frigo circa 30 minuti. Per la copertura esterna, montate gli albumi con lo zucchero, unite la gelatina ammollata in poca acqua calda, e gradualmente la fecola, versate su un
piano di lavoro e lavorate con una spatola. Riprendete l’impasto di mandorle dal frigo e formare dei rotolini di pasta schiacciati al centro per dare la forma di uno “stinchetto”. Rimettete in frigo i biscotti modellati per 5 minuti, riprendeteli dal frigo e passateli nella glassa di zucchero, sistemate i dolcetti su una teglia rivestita di carta forno e cuocete a 180 gradi per 10-15 minuti.
Con questa ricetta partecipo al contest del Molino Chiavazza I Biscotti della Tradizione
1
Condividi

25 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.