CUCINA UMBRADolci

Fichi secchi

Fichi secchi

Fichi secchi, come farli in casa

Dopo la pausa di Agosto eccoci di nuovo all’appuntamento con la rubrica di cucina regionale, L’Italia nel Piatto, questo mese vi parleremo della frutta di Settembre. E quale frutto rappresenta meglio questo mese, insieme all’uva, se non il fico?
In questa uscita non vi proporrò una ricetta, ma vi parlerò dei fichi secchi e di un prodotto tipico umbro, i fichi Girotti. Questi deliziosi frutti essiccati e poi farciti con frutta secca, hanno reso famosa la città di Amelia  in tutto il mondo. Fin dall’epoca romana, Amelia era famosa per i fichi secchi, dal medioevo tra le obbligazioni degli abitanti di Amelia, c’era anche quella di portare annualmente al Papa, cento pignattelli di fichi.

Dal 1830 Antonio Girotti fondò l’azienda che porta ancora oggi il nome del suo fondatore, diventando con gli anni famosa in tutto il mondo.
Nel 1933 furono pubblicizzati sul transatlantico nastro azzurro Rex e inseriti nei cestini da viaggio delle Regie Ferrovie. L’azienda fu  fornitrice della Mille Miglia e presente sulla tavola della Real Casa. Negli anni trenta vennero esportati negli Stati Uniti.  Negli anni 40 i fichi Girotti parteciparono a concorsi e mostre, tra queste anche la Fiera di Milano.  Oggi l’azienda ha ancora sede nel centro storico di Amelia, dove produce rotelle di fichi secchi farciti. I gusti sono riconoscibili dal colore dell’incarto, rosso ai canditi, azzurro alla mandorla e verde alla noce. Potete acquistare i fichi Girotti on line collegandovi a questo sito.

Anche nella zona dove vivo io, non lontano da Amelia, i fichi abbondano, ogni anno mi diletto nella preparazione dei fichi secchi, che poi utilizzerò per la preparazioni di dolci come la rocciata.

Con le temperature di quest’anno, è stato più semplice del solito essiccare i fichi, il sole caldo ha fatto degnamente il suo dovere.

fichi sull'albero

Se avete la possibilità, divertitevi a raccogliere i fichi direttamente dalla pianta, altrimenti andranno benissimo anche quelli comprati.

fichi freschi

Una volta raccolti i fichi, puliteli con un panno e tagliateli a metà, sistemateli su una griglia, copriteli con una retina, per proteggerli dagli insetti e metteteli al sole. Abbiate cure di porli al riparo appena il sole tramonta, per rimetterli poi al sole la mattina seguente.

Appena tagliati, al loro primo giorno di sole

fichi al sole

Non c’è un tempo preciso di essiccazione, dipende dal caldo, dal posto in cui vi trovate, quindi regolatevi voi.
Qui dopo 3 giorni di sole.

 

E qui dopo 6 giorni di sole, sono pronti per l’inverno.

fichi al sole

fichi secchi al sole

Foto e  notizie storiche, tratte dal sito Fichi Girotti

Ed ora vediamo cosa ci propongono altre regioni:

 

18 Comments

  1. Sono bellissimi. Io non li ho fatti per tempo a giugno, pensavo di recuperare in questo periodo ma sono iniziate le piogge. Ci ho provato con l essiccatore ma devo ammettere che al sole vengono meglio.

  2. ma che bella questa semplice ricetta e poi gli step sono molto interessanti! i fichi essiccati al sole li ho assaggiati per la prima volta la scorsa settimana, li ha portati in ufficio una mia collega (preparati dal padre), sono buonissimi… io ero abituata a quelli commerciali… tutta un’altra faccenda! complimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *