Liquori, confetture, bevande

Capperi di tarassaco

Capperi di tarassaco

Come preparare i “capperi” con i boccioli di tarassaco

Dopo le abbuffate di Pasqua e Pasquetta, bisogna muoversi un po’ per smaltire tutte le calorie accumulate. Invece di andare a correre o in palestra, io preferisco fare delle passeggiate in campagna e raccogliere erbe spontanee. Oltre ad essere il periodo giusto per portare a casa un bel mazzetto di asparagi, è anche il momento di raccogliere i boccioli di tarassaco per preparare in casa dei gustosi capperi di tarassaco. Naturalmente non sono i veri capperi, ma i boccioli di tarassaco, si trovano facilmente e prepararli per averli in dispensa, è veramente semplice.

Capperi di tarassaco sotto sale, ricetta facile ed economica

Il tarassaco in cucina

Ho la fortuna di vivere in campagna, e per far scorta di tarassaco, mi basta uscire in giardino. Mi piace molto utilizzarlo in cucina, i fiori e le foglioline tenere e fresche, li aggiungo alle insalate. Le foglie più dure le utilizzo per preparare il pesto per condire la pasta o le aggiungo a frittate. Per la prima volta quest’anno ho deciso di preparare anche i capperi.

Capperi di tarassaco sotto sale

Capperi di tarassaco

Portata: Conserve

Preparazione: 10 minuti
Riposo: 2-3 settimane

Autore: Miria Onesta

Ingredienti:

  • boccioli di tarassaco
  • sale grosso

Preparazione:

  1. Lavate i boccioli di tarassaco e lasciateli asciugare su un panno.
  2. Versate del sale in un vasetto, aggiungete i boccioli e poi ancora sale, altri boccioli e ancora sale, proseguite così finché non avrete finito i boccioli.
  3. Chiudete il vasetto e fate riposare i capperi per circa 2 settimane prima di utilizzarli.

Note: Io li conservo in frigo, al momento di utilizzarli, basta sciacquarli sotto acqua corrente e aggiungerli alle ricette come facciamo per i veri capperi.

Raccolta dei boccioli di tarassaco per  preparare i capperi.
Tarassaco
Vasetto di boccioli di tarassaco sotto sale
Capperi di Tarassaco

Fate una bella scorta di boccioli da mettere sotto sale, ma raccogliete anche le foglie e i fiori già sbocciati. E poi divertitevi a soffiare sui fiori ormai sfioriti e trasformati in una sfera di semi che somigliano a piccoli paracadute che volano via, appena un sottile alito di vento li raggiunge.

4
Condividi

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.